Storia Moderna: Bonomo Benedetto Maria: La tragedia della diga del Gleno
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
Bonomo

Bonomo Benedetto Maria: La tragedia della diga del Gleno

Prezzo base12,00 €
Prezzo di vendita10,20 €
Sconto-1,80 €

Descrizione veloce

Il crollo della diga del Gleno in Val di Scalve nel 1923 spazza via interi paesi. L’indagine che segue il disastro assolve tutti: costruttore, progettista, proprietario. Il neonato regime ha fretta di chiudere la vicenda. Giustizia non viene fatta. Che cosa accadde realmente quel giorno? Questo libro ricostruisce l’inchiesta e cerca la verità che nessuno, allora, ha voluto cercare.

Il prodotto non è momentaneamente disponibile. Avvisami!

La tragedia della diga del Gleno
1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato
Benedetto Maria Bonomo

Pagine: 188
Codice: 12287
EAN: 9788842555599
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1919-1939: Vent'anni di pace instabile


«I giornali non riusciranno a dare ai lettori neanche una pallida idea dell’enormità del disastro che ha colpito la Valle di Scalve. Una montagna d’acqua si è staccata dal Gleno... tutto schiantando e tutto travolgendo» «L’Eco di Bergamo», 2 dicembre 1923

Una strage, un’inchiesta chiusa frettolosamente, nessun colpevole. E 359 morti che non hanno mai avuto giustizia. Il crollo della diga del Gleno che il 1° dicembre 1923 ha travolto la Valle di Scalve, nella bergamasca, è la prima strage italiana in cui giustizia e verità vengono sacrificate alla ragion di Stato, più precisamente dello Stato fascista che non può ammettere che azioni di gruppi terroristici minaccino la sicurezza. Meglio quindi puntare il dito sui materiali, sul costruttore, sul progettista e poi assolvere tutti. Perché i giudici del tribunale di Bergamo non hanno dato peso alla perizia balistica, o alla deposizione di un detenuto che parlò di una bomba, o alla denuncia di furto di 75 chili di dinamite? A quasi un secolo di distanza un avvocato penalista riapre il caso, in cerca di verità. Perché giustizia e verità non cadono in prescrizione.


L'autore
Benedetto Maria Bonomo (Bergamo 1971), avvocato penalista, si è occupato di molti casi giudiziari che hanno catturato l’attenzione dei mass media nazionali. Dal 2014 è sindaco di Colere. Appassionato di storia, si dedica da tempo alla ricerca di documenti e testimonianze. Bibliofilo per tradizione familiare, è Conservatore della biblioteca storica di famiglia «Donna Giuliana» con oltre 20.000 volumi di diverse epoche.




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.