Fronte Russo: Zoccai L.: Prigioniero in Russia
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Prigioniero_in_R_4da71552d015f

Zoccai L.: Prigioniero in Russia

Prezzo base14,50 €
Prezzo di vendita12,33 €
Sconto-2,17 €

Descrizione veloce

La terribile esperienza dei lager russi, tra soprusi e umiliazioni, narrata da uno dei sopravvissuti alla campagna di Russia, il caporalmaggiore Zoccai.

Qta:

Prigioniero in Russia
Un guastatore alpino nei lager sovietici. 1943-1950
Lelio Zoccai

Pagine: 192
Codice: 13138
EAN 9788842532910
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


«Nel 1945 Mosca dichiarò che in Russia non rimaneva nessun prigioniero. Non era vero. C'erano ancora 28 reclusi italiani, fra questi Lelio Zoccai, che fu rimpatriato l'11 luglio 1950.»

Otto anni di prigionia in Russia, di cui cinque passati ai lavori forzati: Lelio Zoccai, caporalmaggiore della 9ª compagnia del XXX battaglione guastatori alpini, è uno degli ultimi testimoni ancora viventi di un calvario costellato di croci, di fame, di malattie, di torture fisiche e psicologiche, di interrogatori umilianti, di processi farsa. Nei confronti dei soldati prigionieri, l'NKVD, l'onnipresente polizia politica russa, tenne un atteggiamento disumano, spiandoli di continuo, sottoponendoli a ricatti odiosi e impedendo ogni contatto con le famiglie, che ne attendevano angosciate il ritorno a casa.

Il diario di Zoccai è un violento «j'accuse» non solo contro la barbarie dei carcerieri ma anche contro i «volonterosi complici» italiani che nei lager russi accettarono di essere aguzzini dei loro compatrioti. Un atto d'accusa che non risparmia chi sapeva e per opportunità politica o complicità ideologica ha taciuto.


L'autore
Lelio Zoccai è nato a Thiene (Vicenza) nel 1921. Si arruola volontario nel 1939 nei guastatori alpini e viene inquadrato nei ranghi della divisione "Julia". Nel 1942 va in Russia dove verrà fatto prigioniero nel 1943. Ha ricevuto un encomio solenne e due croci al merito di guerra per atti di valore sul campo. Oggi vive a Thiene ed è un imprenditore di successo.


Rassegna stampa




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.