Fascismo: Jelardi A.: Goffredo Coppola. Un intellettuale del fascismo fucilato a Dongo
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Goffredo_coppola_4ce6be71c834b

Jelardi A.: Goffredo Coppola. Un intellettuale del fascismo fucilato a Dongo

Prezzo base17,30 €
Prezzo di vendita14,71 €
Sconto-2,59 €

Descrizione veloce

La biografia di Goffredo Coppola, rettore dell'università di Bologna, filologo e giornalista, successore di Giovanni Gentile, fucilato a Dongo insieme a Mussolini.

Qta:

Goffredo Coppola
Un intellettuale del fascismo fucilato a Dongo

Andrea Jelardi

Pagine: 200
Codice: 13160
EAN 9788842533634
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


 


«Non troverete mai il nome di Goffredo Coppola nelle vane adunate, in manifestazioni esibizionistiche e su nessun palco di autorità. Egli preferiva la quiete del suo studio o restare confuso tra la folla.»

La Repubblica Sociale Italiana finisce tragicamente tra il 27 e il 28 aprile 1945, nei pressi di Dongo, sul lago di Como, dove Mussolini e alcuni suoi fedelissimi, in un disperato tentativo di fuga, vengono arrestati e poi giustiziati dai partigiani. Tra loro c'è anche Goffredo Coppola, professore universitario di origini sannite, filologo, giornalista, rettore dell'Università di Bologna e successore di Giovanni Gentile alla presidenza dell'Istituto italiano di cultura. Gli ordini del CLN non lo indicano tra i condannati a morte, eppure il suo nome è il primo della lista degli uomini da fucilare, compilata dal comandante partigiano Walter Audisio.

La vita di Goffredo Coppola, dedicata allo studio dei classici greci e latini, al giornalismo e alla strenua difesa dei suoi ideali, finisce a Piazzale Loreto. Il nome di questo intellettuale del ventennio, che, ispirandosi a Epicuro, aveva accettato il destino con coerenza e serena malinconia, verrà dimenticato per molti anni.


L'autore

Andrea Jelardi, nato a Campobasso nel 1974 ma originario di San Marco dei Cavoti (Benevento), vive e lavora a Napoli, dove si è laureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l'Università Suor Orsola Benincasa. Assistente universitario, giornalista pubblicista, collabora, fra l'altro, al quotidiano «Roma». Ha pubblicato il volume di urbanistica Benevento antica e moderna (2000), e i saggi Giuseppe Moscati e la scuola medica sannita del Novecento (2004) e Almerico Meomartini architetto e archeologo (2005).


Rassegna stampa




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.