Seconda Guerra Mondiale cont: Carafoli D.-Bocchini Padiglione: Aldo Finzi - Il fascista ucciso alle Fosse Ardeatine
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Aldo_Finzi_4cea31d0bbfee

Carafoli D.-Bocchini Padiglione: Aldo Finzi - Il fascista ucciso alle Fosse Ardeatine

Prezzo base16,30 €
Prezzo di vendita13,86 €
Sconto-2,44 €

Descrizione veloce

Biografia di Aldo Finzi, amico di D'Annunzio, fedele a Mussolini, partigiano dopo l'8 settembre, assassinato alle Fosse Ardeatine per ordine di Keppler.

Qta:

Aldo Finzi - Il fascista ucciso alle Fosse Ardeatine
Domizia Carafoli
Gustavo Bocchini Padiglione

Pagine: 302
Codice: 13134
EAN 9788842532682
Collana: 1939-1945: Seconda Guerra Mondiale


Un eccidio in via Rasella. Rappresaglia: per un tedesco ucciso, dieci italiani. Mi dicono che tra gli altri ci sarebbe Aldo Finzi.» (Giuseppe Bottai, marzo 1944)

Volontario nella Prima guerra mondiale, aviatore, amico di D’Annunzio e suo compagno nel volo su Vienna del 1918, Aldo Finzi fu protagonista di varie imprese sportive e corridore motociclista. Brillante, elegante, fedelissimo di Mussolini, diventò sottosegretario agli Interni nel 1922, vicecommissario all’Aeronautica nel 1923 e quindi presidente del CONI. Nel momento di maggior fortuna, fu travolto nel 1924 dal delitto Matteotti. Era innocente, ma fu costretto dal Duce ad abbandonare ogni incarico.

Lasciata la scena politica, si ritirò a vivere a Palestrina, vicino a Roma. Internato perché contrario alla guerra, dopo l’8 settembre 1943 appoggiò le formazioni partigiane. Arrestato dai tedeschi il 28 febbraio 1944, fu rinchiuso a Regina Coeli. Dopo l’attentato di via Rasella, effettuato dai GAP contro un reparto del reggimento di polizia «Bozen», finì nella lista dei condannati a morte di Kappler e il 23 marzo fu trucidato alle Fosse Ardeatine.


Gli autori

Domizia Carafòli è nata a Milano, dove vive e lavora. Laureata in germanistica, cominciò l’attività giornalistica nel periodico «Candido». Passata al quotidiano «La Notte» con Nino Nutrizio, fu poi chiamata al «Giornale» da Indro Montanelli. Con Gustavo Bocchini Padiglione ha pubblicato Eran Trecento, biografia di Carlo Pisacane, e, per Mursia, Il Viceduce, Ettore Muti, il gerarca scomodo e Aldo Finzi, il fascista ucciso alle Fosse Ardeatine.

Gustavo Bocchini Padiglione, nato a Roma, giornalista professionista, ha cominciato l’attività giornalistica nella redazione veneziana del quotidiano «La Notte». Attualmente vive e lavora a Milano. Per Mursia è autore di Camerati, in camera!. Con Domizia Carafòli ha firmato per Giunti Eran Trecento e per Mursia Ettore Muti, il gerarca scomodo; Il Viceduce, Arturo Bocchini capo della polizia fascista e Aldo Finzi, il fascista ucciso alle Fosse Ardeatine.


Rassegna stampa




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.