Seconda Guerra Mondiale cont: Bianchi Rizzi A.: Albanaia.
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Albanaia_4d6dff4ba6065

Bianchi Rizzi A.: Albanaia.

Prezzo base17,00 €
Prezzo di vendita14,45 €
Sconto-2,55 €

Descrizione veloce

Dal diario vero di un medico alpino, uno straziante romanzo sull’odissea della Penne Nere sul fronte albanese.

Qta:

Albanaia
Augusto Bianchi Rizzi

Prefazione di Giorgio Galli

Pagine: 240
Codice: 13091
EAN 9788842538813
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - 1939-1945: Seconda guerra mondiale


«Siamo ridotti a un centinaio di uomini. Cento poveri diavoli sporchi e barbuti che si aggirano intontiti dalla fatica e dal gelo, tossendo e starnutendo, stretti nei loro miseri stracci, imbacuccati come gioppini.»

AlbaNaia: gli alpini chiamavano così la guerra d’Albania. Laggiù, fra il 1940 e il 1941, centocinquantamila italiani finirono uccisi, congelati, dispersi, feriti: perdite ignorate in una guerra dimenticata. Questo romanzo, nato da un diario autentico ritrovato sessant’anni dopo, narra le imprese dei nostri soldati. Il tenente-medico Vittorio Bellei, non ancora ventisettenne, parte volontario lasciandosi alle spalle la giovane moglie e un figlio di 15 giorni. Crede in Mussolini, ama la Patria, coltiva l’etica del sacrificio ed è convinto di lottare per il domani del suo bambino. La guerra in trincea, d’inverno, a duemila metri, non è la passeggiata che il Duce aveva preannunciato: per gli alpini, male equipaggiati e peggio armati, è un calvario senza fine. Il tenente Bellei (unico medico in prima linea) assiste impotente ma, nemmeno per un istante dubita delle sue scelte. All’entrata in azione delle truppe tedesche sul fronte balcanico la guerra d’Albania finalmente termina. I reduci sfilano per Bari di fronte a Mussolini. Al tenente Bellei, fascista esemplare, basta un suo sorriso per riprendere slancio: nuovi fronti lo attendono.


L'autore
Augusto Bianchi Rizzi, avvocato, scrittore e commediografo, vive e lavora a Milano. Tra le sue opere teatrali ricordiamo: Monologo a due (1984), L’ultimo dei Mohicani (1985), La vita è un canyon (1992), Ombre rosse (1993), Un uomo solo al comando (vincitore del Premio Vallecorsi 1997), Veronica e Guglielmo (2003); ha anche scritto il romanzo Figlio unico di madre vedova (1993), finalista al Premio Calvino.


Rassegna stampa
Gennaio 2011 Leggendaria

Rassegna stampa siti internet
Aprile 2011 Storiain.net

Sintesi rassegna stampa sino a Dicembre 2010




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.