Per non dimenticare: Di Luzio G.: Il disobbediente
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Il_disubbidiente_4d36c28b111a0

Di Luzio G.: Il disobbediente

Prezzo base16,00 €
Prezzo di vendita13,60 €
Sconto-2,40 €

Descrizione veloce

La storia di Giovanni Palatucci, che durante la Seconda guerra mondiale riuscì a salvare migliaia di ebrei, prima di venire catturato, imprigionato e ucciso dai tedeschi.

Il prodotto non è momentaneamente disponibile. Avvisami!

Il disubbidiente
Il poliziotto che salvò gli ebrei

Giulio Di Luzio

Prefazione di Tullia Zevi

Pagine 204
Codice 13526
EAN 9788842537182
Collana: Testimonianze fra cronaca e storia - Per non dimenticare


«Quella mattina le SS portarono via i genitori di Elisabeth. Sfondarono direttamente il portone di ingresso alle prime luci dell’alba. Elisabeth era già sveglia. Si rizzò d’impulso. Non voleva pensare che fossero loro, che fossero giunti fin sotto casa. Non voleva crederci. Ma il latrato lamentoso di alcuni pastori tedeschi, trattenuti a fatica dalle fruste delle SS, la precipitò nel baratro. Erano loro!»

Nel 1936 Giovanni Palatucci, giovane funzionario di polizia, giunge alla Questura di Genova. Ma i suoi forti sentimenti di giustizia e di fede si scontrano subito con la burocrazia dell’apparato amministrativo. Viene così mandato a dirigere l’Ufficio Stranieri della Questura di Fiume. è il 1938, anno di promulgazione delle leggi razziali e Palatucci, nel suo nuovo incarico, sceglie di «disubbidire» e di seguire la sua coscienza di uomo libero. Insieme ad alcuni fidati collaboratori costruisce una rete di soccorso grazie alla quale riuscirà a salvare migliaia di profughi, perseguitati e oppositori del regime, prima di essere arrestato da Herbert Kappler e deportato nel lager di Dachau, dove morirà a 36 anni. Lo Stato di Israele lo ha riconosciuto «Giusto tra le Nazioni». È in corso la Causa di Beatificazione da parte della Chiesa.


L'autore
Giulio Di Luzio è nato a Bisceglie (Bari). è stato antimilitarista e obiettore di coscienza nella Caritas Italiana. Dopo anni di precariato giornalistico per «Il manifesto» ha collaborato con altri quotidiani. Questo è il suo terzo libro, dopo I fantasmi dell’Enichem (2003) e A un passo dal sogno (2006).


Rassegna stampa
13.11.2011 Corriere del Mezzogiorno

Rassegna stampa anniprecedenti




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.