Poesia: Oldani G.: La guancia sull'asfalto
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
Oldani 9788842559764

Oldani G.: La guancia sull'asfalto

Prezzo base15,00 €
Prezzo di vendita12,75 €
Sconto-2,25 €
Qta:

Guido Oldani 
LA GUANCIA SULL’ASFALTO

e dorme con la guancia sull’asfalto,

lungo quanto una scopa col cappello,

a una spanna gli passano le ruote

dei camion che lo sfiorano di lato.

 

Attendevamo da tempo che il fondatore del Realismo Terminale desse un saggio compiuto della sua produzione più recente, a dieci anni dal Cielo di lardo; ed eccoci serviti, con questo lauto dono di novanta poesie, tante quanti i numeri della tombola. Suggestione per suggestione, a scorrere i titoli, spavaldamente icastici nella loro asciutta referenzialità, viene subito da pensare alla smorfia, dove sono racchiusi e spiegati tutti i casi della vita. E questo è, in fondo, il libro di Oldani: un variopinto caravanserraglio di oggetti e di persone shakerati nell’immensa betoniera del terzo millennio. Facendo leva sul portentoso congegno della similitudine rovesciata, sua geniale invenzione, riscrive a briglie sciolte la realtà e l’immaginario, fino a darci, con sorprendente facilità, una nuova enciclopedia del mondo. Non aggiunge parole al vocabolario, ma «amplifica la dimensione del linguaggio, provocandogli una precisa mutazione espressiva». Peraltro, a tanto egli giunge senza ricorrere agli effetti speciali cui si affidano parecchi suoi colleghi, convinti che non si possa scrivere vera poesia senza fare gli oscuri o i preziosi: colpisce, al contrario, nei testi di Oldani, la relativa semplicità dei mezzi impiegati, che ricalcano, a volte, moduli e ritmi fin quasi popolareschi. Oldani invera il monito secondo cui bisogna farsi piccoli per essere grandi in un altrove. Ma dietro il fanciullino esuberante, che sa godere, per istinto, di ogni minima cosa, si nasconde l’uomo che ha conosciuto le crudeltà del mondo, anche se prova ad ammorbidirle a colpi d’ironia: ciò che il titolo della raccolta esprime così bene, nella sua forma ossimorica.

Giuseppe Langella

Guido Oldani è l’ideatore del Realismo Terminale; nasce nel 1947 a Melegnano (Milano), dove vive. Ha pubblicato sulle principali riviste letterarie del secondo Novecento: da «Alfabeta» a «Paragone» a «Kamen». È del 1985 la raccolta Stilnostro (CENS), con l’introduzione di Giovanni Raboni. Seguono: Sapone («Kamen» 2001), La betoniera (LietoColle 2005), Il cielo di lardo (Mursia 2008), Il Realismo Terminale (Mursia 2010). È presente in diverse antologie, tra cui: Il pensiero dominante (Garzanti 2001), Tutto l’amore che c’è (Einaudi 2003), Almanacco dello Specchio (Mondadori 2008), Antologia di poeti contemporanei (Mursia 2016), Poesia d’oggi. Un’antologia italiana (Elliot 2016), Novecento non più (La Vita Felice 2016), Luci di posizione (Mursia 2017), Poesie italiane 2016 (Elliot 2017). Per Mursia dirige la Collana di poesia Argani. Collabora al quotidiano «Avvenire» e al quotidiano online Affaritaliani.it.

Pagine 106
Euro 15,00
Codice 16868C
EAN 9788842559764




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.