Letteratura: Barilli R.: La narrativa europea in eta' contemporanea
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./La_narrativa_eur_5446671b73db5

Barilli R.: La narrativa europea in eta' contemporanea

Prezzo base24,00 €
Prezzo di vendita20,40 €
Sconto-3,60 €

Descrizione veloce

Un saggio che indaga le molte vie, spesso sotterranee, che collegano tra loro i grandi protagonisti della narrativa europea dell’età contemporanea: il russo Cechov, gli inglesi Joyce e Woolf, il francese Proust, l’austriaco Musil.

Qta:

La narrativa europea in età contemporanea
Cechov, Joyce, Proust, Woolf, Musil
Renato Barilli

Pagine: 350
Codice: 11009
EAN 9788842551898
Collana: Civiltà letteraria del Novecento - Saggi


 

Un’indagine sulle molte vie, spesso sotterranee, che collegano tra loro i grandi protagonisti della narrativa europea in età contemporanea: il russo Cechov, gli inglesi Joyce e Woolf, il francese Proust e l’austriaco Musil. I manuali scolastici insistono sulla distinzione tra un’età moderna e un’età contemporanea e, in ambito narrativo, la prima trionfa nell’Ottocento ponendo in primo piano l’homo oeconomicus, immerso soprattutto nella lotta per l’esistenza, con lo scopo di procurarsi beni di fortuna, sotto il dominio di impulsi dettati da madre natura. Ma verso la fine di quel secolo scatta una dirompente rivoluzione scientifica che apre le porte alla nuova era contemporanea, per cui l’interesse va tutto a un homo epistemologicus che, grazie a filosofi come Bergson, psicologi come Freud, scienziati come Einstein, sperimenta una specie di esplosione dell’io. Per dirla con Pirandello, l’uomo scopre di essere «uno, nessuno e centomila».

L’autore di queste pagine ha esordito studiando Pirandello, associato a Svevo, e ora estende l’indagine ad altri colossi di quella rivoluzione. Sono i grandi innovatori della narrativa contemporanea, rivolti a frugare nell’inconscio, a ricavarne minimi frammenti di vissuto, che saranno le epifanie di Joyce, o i fenomeni sul tipo della madeleine nel caso di Proust, o i granelli di sabbia che l’uomo senza qualità di Musil insinua nell’ingranaggio del potere austro-ungarico.


L'autore
Renato Barilli, nato nel 1935, è professore emerito dell’Università di Bologna, dove per lunghi anni ha insegnato Estetica, Arte contemporanea e Fenomenologia degli stili, scrivendo diversi saggi in ciascuno di questi settori, cui va pure aggiunta una vasta produzione dedicata alla critica della narrativa. Con Mursia ha pubblicato numerosi contributi, tra cui: La barriera del naturalismo, Poetica e retorica, D’Annunzio in prosa, Robbe-Grillet e il romanzo postmoderno. È, inoltre, autore di due ampi spaccati sulla narrativa di epoca moderna, rispettivamente in Italia (Dal Boccaccio al Verga) e in Europa (Da Defoe a Tolstoj).


Rassegna stampa




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.