I Classici GUM: Dostoevskij F.: Povera gente
All for Joomla All for Webmasters
Accedi
Registrati



Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Povera_gente_4f4785f8a3945

Dostoevskij F.: Povera gente

Prezzo base10,00 €
Prezzo di vendita8,50 €
Sconto-1,50 €

Descrizione veloce

Un ritratto della miseria umana da uno dei maestri della letteratura russa.

Qta:

Povera gente
Fedor Dostoevskij

«...non ricordo di che cosa abbiamo parlato in quelle ore tormentose e nello stesso tempo dolci dei nostri incontri di notte, alla luce tremolante del lumino... Parlavamo di tutto ciò che ci veniva in mente, che straripava dal cuore...»

Pagine: 136
Codice: 21644
Prezzo: 10,00
EAN 9788842542216
Collana: I classici GUM

 


 

Sullo sfondo della Pietroburgo di inizio Ottocento si incrociano due storie: quella del povero impiegato, Makar Devus?kin, e della giovane Varen’ka che cerca di fuggire dalla povertà sposando un vecchio traviato. Divisi da un cortile i due si scambiano lettere in segreto. Si scrivono dei loro sogni d’amore e della loro quotidianità fatta di miseria, di disperazione, di mediocrità. E mediocre sarà la scelta di Varen’ka combattuta tra l’amore e la sicurezza economica.

 


L'autore

Fëdor Michailovic Dostoevskij nasce a Mosca nel 1821 da una famiglia nobile decaduta. Frequenta la scuola militare a Pietroburgo e si iscrive poi alla facoltà di Ingegneria. Parallelamente agli studi inizia a leggere e a tradurre i classici francesi e dopo la morte del padre si dedica completamente alla letteratura. Nel 1846 pubblica prima il racconto Povera gente e poi il romanzo Il sosia, che riscuotono grande successo. Nel 1849 viene arrestato con l’accusa di cospirazione e condannato a morte. All’ultimo momento l’esecuzione viene commutata in quattro anni di lavori forzati in Siberia. Al ritorno compone i suoi capolavori: Umiliati e offesi (1861), Delitto e castigo (1866) e L’idiota (1869). Costretto a lasciare la Russia per sfuggire ai creditori si rifugia all’estero, dove vive di stenti, passando dalla Germania alla Svizzera, alla Francia, all’Italia. Di ritorno in Russia, pubblica I demoni (1871) e infine I fratelli Karamazov (1880). Muore a Pietroburgo nel 1881.


Rassegna stampa




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.