Gatti: Rinser L.: Il Gatto rosso (con testo a fronte)
All for Joomla All for Webmasters
Accedi

Carrello
0 Oggetti - 0,00 €
Aggiungi 25€ spedizioni gratis
Il tuo carrello è vuoto!
I tuoi prodotti Prezzo
./Il_gatto_rosso_4f621caf02b66

Rinser L.: Il Gatto rosso (con testo a fronte)

Prezzo base12,90 €
Prezzo di vendita10,97 €
Sconto-1,93 €

Descrizione veloce

Una storia raccapricciante di una donna senza cuore e di un gatto rosso, in un ambiente profondamente segnato dalla guerra.

Il gatto rosso
Die Rote Katze (con testo a fronte)
Luise Rinser

Pagine: 32
Codice: 61170
EAN: 9788879340304
Collana: Felinamente & Co.

 


 

«Il gatto rosso era seduto nel giardino davanti a casa e mi fissava. “Và via”, ho detto colpendolo con il piede. Ma lui non se n’è andato. Ha spalancato il suo musetto per dire “Miao”. Non ha urlato come fanno gli altri gatti, l’ha detto così molto semplicemente, non sono in grado di spiegare come. E nello stesso tempo mi fissava con quei suoi occhi verdi. Allora in piena ira gli ho lanciato un pezzetto del pane bianco degli americani. Ma subito mi sono pentita.»

Un racconto macabro e triste. Una vicenda drammatica i cui veri protagonisti sono la solitudine, la fame, la cattiveria e il rimorso. Corredato da testo originale a fronte.

 


L'autore

Luise Rinser è nata il 30 aprile 1911 a Pitziling nell’Alta Baviera. È considerata tra le scrittrici tedesche contemporanee di maggiore successo. Ora vive a Rocca di Papa, vicino a Roma. La Rinser ha iniziato presto la sua carriera letteraria e, fino ad oggi, ha scritto più di trenta libri, tra romanzi, racconti, saggi e diari, che sono stati tradotti in più di venti lingue. Il suo primo libro Die Gläsernen Ringe (Gli anelli di vetro) uscì nel 1941. Tuttavia i romanzi che scrisse negli anni successivi, non poterono essere pubblicati, così come non poté essere ristampato il primo, in quanto la Rinser era famosa per la sua avversione al nazismo. Nell’autunno del 1944 fu arrestata per alto tradimento ed entrò nella prigione femminile di Traunstein, dove scrisse il suo Gefängnistagebuch (Diario di un prigioniera). Negli anni seguenti il 1945 lavorò come critico letterario per la Neue Zeitung di Monaco e tenne conferenze in favore di una società democratica, per la libertà, la giustizia e l’umanità. Ma non era finito il periodo delle “persecuzioni”. Infatti, durante gli anni del terrorismo, fu considerata simpatizzante della RAF. Il sospetto era totalmente infondato e lei poté così riabilitarsi.

 


 

Rassegna stampa:




Informazioni

  • icon
    Indirizzo : Via Tadino 29 Milano, MI, Italia.
  • icon
    Ufficio vendite online
    Telefono : 02 277273-21
Top

Questo sito utilizza cookie per il suo funzionamento, anche di «terze parti». L’utilizzo di questo sito, la navigazione verso altre pagine o la chiusura della presente finestra rappresentano un esplicito consenso all’uso dei Cookie. Per conoscere il funzionamento dei Cookie, per bloccarne in tutto o in parte l’utilizzo e per conoscere tutte le informazioni relative al trattamento dei dati personali è possibile visualizzare la pagina di informativa estesa.