Sidebar
-5%

Lopez Guido e Fabio: La roba e la libertà

: Copie disponibili in magazzino

: Storia e Testimonianze

: Ugo Mursia Editore

€22,80 €24,00

QUESTIONS & ANSWERS

Have a Question?

Be the first to ask a question about this.

Ask a Question
files/60ff09-payment-glyph-icons-logos-freebie.jpg

Guido Lopez – Fabio Lopez

 

LA ROBA E LA LIBERTÀ

Gli Sforza, Leonardo e Ludovico

 A dì 23 aprile 1490, comincio

questo libro e ricomincio il Cavallo.

Leonardo, man. C

 «Una questione di proporzioni: per Leonardo, una sfida nello spazio reale, per Ludovico, una sfida nello spazio politico; avevano trovato il loro punto d’incontro.»

 Il duca perso lo stato ella roba ellibertà e nessuna sua opera si finì per lui. Leonardo, man. L

 «Con questa marmorea concisione Leonardo sistema il suo grande committente sconfitto e si congeda da lui, e dalla grandezza sforzesca.»

Ludovico il Moro è l’ambizione, il potere, la roba. Leonardo è l’essenza della libertà, nell’opera e nell’esistenza. Il genio scompare e ricompare, segna con la sua presenza e i suoi capolavori il confine dell’epoca che muore e il presagio di quella che verrà. Ma la vera protagonista è la Milano fra il XV e il XVI secolo, città che primeggia in Europa nell’industria, nell’arte, nella metallurgia, nella produzione di sete e broccati, nella stampa, nella conduzione agricola delle proprie fertili terre, tanto florida quanto al centro di contese di opposte fazioni e potenze. Le vite di Leonardo e Ludovico, coetanei (1452), corrono parallele nelle proprie «sperienze» in Toscana e in Lombardia per incontrarsi e intrecciarsi dopo trent’anni, al pari di un «vinci»: quel nodo continuo a tre occhielli che il genio toscano riproduce per ogni dove, nei suoi fogli, nell’abito di Monna Lisa e in quello di Cecilia, come nella Sala delle Asse.

Questo libro, uscito nella sua prima veste nel 1982 per la penna di Guido Lopez, è stato ora integralmente aggiornato e integrato dal figlio Fabio, con un racconto dall’avvento di casa Sforza fino al 1513, quando Leonardo se ne va dalla città e non vi fa più ritorno. Una fluida narrazione con una messe di novità documentali, curiosità, aneddoti e mappe originali per leggere la Milano del Rinascimento.

Guido Lopez (1924-2010), giornalista scrittore e storico, esponente di spicco della società civile milanese, ha lavorato alla Mondadori come capo ufficio stampa per tredici anni, ha scritto per «Epoca», «la Repubblica», «Il Giorno», «il Millimetro» e «Diario». Autore di noti libri su Milano e la sua storia, fra cui Milano in mano per Mursia, nonché di testi sui Visconti, gli Sforza e Leonardo da Vinci. Ambrogino d’Oro della città, per molti anni fu presidente dell’Università Popolare di Milano. Il suo archivio personale è dichiarato d’interesse storico.

Fabio Lopez (classe 1953), figlio dell’Autore, è architetto. Per molti anni ha diretto importanti uffici pubblici per l’ambiente, la natura, la mobilità sostenibile (Parco delle Groane, Province di Milano e Monza, Comune di Milano). Ha raccolto l’eredità culturale del padre mantenendo vivi i suoi scritti, in primo luogo Milano in mano. Nel 2019 ha aperto a Como le celebrazioni ufficiali del Cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo con una lectio al Broletto davanti alle autorità e a un foltissimo pubblico.

Pagine 482
Euro 24,00
Codice 14762S
EAN 9788842560968